Cantina Giovanni Molettieri

Cantina Giovanni Molettieri – Vino e Musica, famiglia unita dalle Passioni

Cantina Giovanni Molettieri, probabilmente il ramo più passionale della famiglia Molettieri. Infatti si può, a ragione, dire che la passione sia il motore, il wagneriano Leitmotiv della famiglia.
Passione per il lavoro continuo ed infinito in vigna con le continue cure da apportare, il tempo da predire e prevenire.. e in cantina, alla ricerca spasmodica ed asintotica del vino perfetto.
Passione che si manifesta anche al di fuori dell’ambito vinicolo ma cui è strettamente legata quella per la musica. Giovanni è cresciuto fin dall’infanzia fra musica e cantina, suo padre suona la chitarra classica e sua madre cantava come soprano. Naturale accostarsi agli strumenti, prima la chitarra che suonava già a cinque anni poi la grande passione per il pianoforte che ha studiato al conservatorio. Non si limita allo studio, anche se non vuole farlo sapere compone brani, di cui uno lo potete ascoltare qui, nell’articolo, e qualche anno fa aveva formato un gruppo musicale promettente. Nel loro punto vendita ad Atripalda troneggia un pianoforte che Giovanni si diverte a suonare a beneficio dei suoi ospiti e clienti. Non mancano le idee per unire queste due passioni, musica e vino, in degustazioni in cui abbinare le due manifestazioni artistiche. 

Sarà questa natura di fondo verso passioni che comportano studio e sacrificio, come lo studio del pianoforte, che ha determinato nei Molettieri una naturale propensione al non sentirsi appagati ma nel cercare con forza e dedizione un miglioramento costante. Questo modo di essere sta portando i suoi frutti come abbiamo visto con i recenti premi ricevuti per Taurasi e Campi Taurasini.

Ovviamente loro non si sono fermati alla produzione dell’Aglianico ma hanno anche intrapreso la strada verso la produzione dei vini a bacca bianca. Greco di Tufo, Fiano di Avellino, Falanghina e Coda di Volpe, questi gli altri prodotti dell’azienda che è obbligata a comprare l’uva per il Greco e per il Fiano non avendo di loro proprietà tali vigne. Ma i risultati sono incoraggianti, Greco di Tufo e Fiano di Avellino sono vini in perfetto stile irpino, dove si riconosce immediatamente il vitigno… in più il Greco di Tufo si esprime con intense profumazioni ed un carattere minerale molto intrigante. La Falanghina del Beneventano è la nota inaspettata, un IGT che si presenta con un carattere deciso, freschezza sferzate controbilanciata da una buona morbidezza Il Coda di volpe è un altro vitigno storico della famiglia Molettieri che ha impianti di circa quaranta anni di età. Discorso a parte merita il rosato…altra antica vigna di circa quaranta anni recuperata dall’abbandono qualche anno fa e che ora sta tornando a donare meravigliosi frutti…e se questo è l’andamento fra qualche anno potrà essere pronta per realizzare un cru di aglianico.

Novità delle novità, sveliamo in anteprima il nuovo prodotto della Cantina Giovanni Molettieri, una nuova scommessa, lo spumante. È infatti in produzione in questo stesso momento la prima linea di spumanti metodo Charmat, prodotto dalle stesse uve di Fiano con la quale è prodotto il Fiano di Avellino, rifermentate in serbatoi di acciaio e con presa di spuma sempre in acciaio. Giovanni ha già previsto un periodo di maturazione sui lieviti esausti di pochi mesi, sarà questo l’ennesimo successo? Vedremo…

Rossi prodotti da Cantina Giovanni Molettieri

  1. Racemus Irpinia Aglianico DOC Giovanni Molettieri
  2. Dolium Campi Taurasini 2015 Giovanni Molettieri
  3. Roboris Taurasi DOCG 2014 Giovanni Molettieri
  4. Senex Taurasi Riserva DOCG 2011 Giovanni Molettieri

Bianchi, Rosati e Spumanti prodotti da Cantina Giovanni Molettieri

  1. Niveus Fiano Di Avellino DOCG 2018 Giovanni Molettieri
  2. Graecus Greco di Tufo DOCG 2018 Giovanni Molettieri
  3. Felix Falanghina IGP 2018 Giovanni Molettieri
  4. Coda di Volpe
  5. Amethystos Aglianico Rosato IGT 2018 Giovanni Molettieri

Rispondi